Italia – Razze: il cavallo simbolo del Regno Borbonico , il Persano

 

L’origine del cavallo Persano viene tradizionalmente fatta risalire all’anno 1742, quando Carlo III di Borbone avviò la selezione per dar vita alla “razza governativa di Persano”. A questo fine cominciò ad incrociare, nella Tenuta di Persano in Campania, fattrici di razza Napoletana, Siciliana, Calabrese e Pugliese con stalloni di razza orientale-turra e successivamanete anche andalusi per migliorare la razza.  Per più di un secolo il Persano venne reputato come una tra le razze più fini esistenti in Italia, fino al 1874, anno in cui venne ufficialmente soppressa con un decreto emesso dal Ministro della guerra Cesare Ricotti. Tutti gli animali vennero così venduti nei mercati animali del salernitano. Tale atto fu voluto dalla dinastia Savoia, nel tentativo di cancellare i segni lasciati dalla dinastia borbonica nel Regno delle due Sicilie, nel corso degli anni il cavallo Persano era diventato infatti uno dei simboli del Regno Borbonico (oggi ne resta traccia nello stemma della provincia di Napoli dove è rappresentato in posizione rampante sovrastato da una corona).

Scopri subito tutti i nostri viaggi, tour, vacanze e trekking a cavallo in Italia.

Fu solo nel 1900 che la razza venne ufficialmente ricostruita, grazie ad un nuovo decreto emesso dall’allora Ministro della Guerra: le fattrici, scelte da una Commissione di alti Ufficiali di cavalleria e veterinari, vennero scovate tra gli allevamenti limitrofi e i reggimenti e scuole di Cavalleria.

In seguito alla soppressione del Centro di rifornimenti quadrupedi, avvenuto nel 1954, i Persano si ridussero ad una cinquantina di fattrici, trasferite al Posto Raccolta Quadrupedi di Grosseto, alle dipendenze del Ministero della Difesa.

Parlando di conformazione, la razza presenta una testa allungata con un collo lungo. La spalla è giustamente inclinata, il garrese è pronunciato e la linea dorso-lombare è corta; i lombi si presentano corti, la groppa è inclinata e corta; il petto è ampio ed il torace è profondo.

Gli arti sono regolari, abbastanza esili; le articolazioni risultano regolari, e l’andatura è molto armonica ed elegante; gli appiombi sono regolari.

Grazie al suo temperamente docile e coraggioso, il Persano oggi viene impiegato oltre che per gli sport equestri anche per l’ippoturismo.

Altri viaggi che potrebbero interessarti
passeggiate a cavallo a Creta

Durata: 8 giorni / 7 notti

da € 1.180 - Voli esclusi

a cavallo nelle montagne rocciose

Durata: 7 giorni / 6 notti

da € 1.890 - Voli esclusi

A cavallo in Islanda

Durata: 6 giorni / 5 notti

da € 2.080 - Voli esclusi

Safari a cavallo in Botswana

Durata: 10 giorni / 9 notti

da € 7.240 - Voli esclusi

Articoli che potrebbero piacerti
Trekking di 500 giorni

UN TREKKING LUNGO…500 GIORNI SULLA VIA DELLA SETA, DALLA MONGOLIA AL CUORE D’EUROPA Protagonisti di questa storia sono  una donna e i suoi due cavalli mongoli (Custode  e Чигээрээ )  Paola Giacomini, nei giorni scorsi è rientrata a Trento dopo un lunghissimo trekking a cavallo che l’ha portata dalle steppe mongole fino alla Polonia. Guarda subito tutti […]

Il cavallo più antico del mondo!

Risale addirittura all’era Paleolitica. Sai qual è? Scopriamolo insieme!

I nostri Tour Operator al tuo servizio per la tua esperienza di viaggio senza confini. Clicca e parti.

Realizza il sogno di un viaggio per le tue esigenze e passioni. Clicca e parti.

Semplifichiamo la pianificazione e la realizzazione di un viaggio di lavoro o per affari. Clicca e parti.

Per il mondo delle agenzie di viaggio. Clicca e fai business con Go World.

Per chi ama i social media. Clicca e sogna il tuo prossimo viaggio.

Non perderti le nostre offerte!

Espressione del consenso al trattamento dei dati personali: Procedendo con la compilazione e con l'invio di questo modulo, Lei acconsente al trattamento dei dati personali da Lei forniti per la finalità e nei limiti indicati nell'informativa privacy del sito, ai sensi e per gli effetti del Regolamento (UE) 2016/679 (GDPR).

Go World S.r.l.
via Canale, 22 - 60125 Ancona
P.IVA, CF 02763050420 R.E.A. AN 213201
Capitale Sociale € 10.000
Premio Turismo responsabile Italiano 2011