Di antichissima tradizione, la caccia a cavallo è uno sport svolto in gruppo e per la pratica del quale ci si avvale di mute di cani che hanno il compito di individuare e stanare le prede.

In Francia l’obiettivo della caccia è solitamente il cervo, mentre ben più nota è la tipicamente britannica caccia alla volpe.

Trattandosi di una disciplina sportiva, la caccia a cavallo nella maggior parte dei paesi europei non si conclude con alcun abbattimento di prede: in sostanza, la battuta di caccia viene solo simulata e i cani vengono condizionati nelle loro ricerca dall’odore artificiale di selvaggina – scent layer – sparso preventivamente.

Scopri subito tutti i nostri viaggi, tour, vacanze e trekking a cavallo in Gran Bretagna.

 

ORGANIZZAZIONE DELLA BATTUTA DI CACCIA

Perché una battuta di caccia a cavallo possa svolgersi senza imprevisti e in maniera regolare è necessaria la compresenza del Master – il responsabile dell’organizzazione della battuta –, del Field Master – sottoposto del Master, ha la responsabilità dei partecipanti – e, ovviamente, del “Field” – sostantivo inglese che indica il gruppo dei partecipanti alla caccia nella sua totalità – coadiuvato dall’Huntsman – il responsabile dell’addestramento e della condotta della muta di cani – e dai suoi assistenti – detti “whippers-in” – che lo supportano nella gestione del “Pack” – la muta dei cani, solitamente scelti fra esemplari di razza Foxhound –.

Per richiamare i cani, incitarli e riportarli all’ordine Huntsman e “whippers-in” utilizzano il celebre corno e lunghe fruste.

Per prender parte ad una battuta di caccia a cavallo è necessario seguire un cerimoniale molto rigoroso, anche per quanto riguarda l’abbigliamento, composto da calzoni chiari da equitazione, stivali alti sino al ginocchio, camicia bianca e la distintiva giacca rossa.

Inoltre, fiocchi di colori diversi segnalano i cavalli poco esperti – di solito destinati alle retrovie per non intralciare i repentini movimenti degli esemplari più pratici – e quelli ribelli o particolarmente eccitabili.

la caccia alla volpe

STORIA DELLA CACCIA A CAVALLO

La prima caccia alla volpe di cui si abbia notizia è avvenuta nella contea del Norfolk, nell’Inghilterra orientale, a metà del ‘500.

Per moltissimo tempo la caccia a cavallo è stata una forma di controllo demografico di animali selvatici ritenuti particolarmente pericolosi o dannosi per le attività agricole e rurali in genere in determinati paesi: è il caso della caccia al lupo, tipica di alcune regioni della Francia, e di quella al cinghiale tipica delle zone della Maremma e della Sardegna.

Oggigiorno importante momento di aggregazione sociale, dal 2005 la caccia alla volpe è vietata per legge proprio in quei Paesi, quali l’Inghilterra, il Galles e la Scozia dove questa tradizione ha avuto origine.

I nostri amici della Società Toscana Caccia alla Volpe organizzano varie date durante l’anno. Ricordiamo le ultime per il 2017: il 26 novembre nella bellissima Tenuta del Fontino a Massa Marittima ed il 10 Dicembre a Punta Ala.

 

Articoli che potrebbero piacerti

skijöring

Sapete cosa è lo skijöring? Scopritelo insieme a noi!

cavallo più veloce del mondo

Una razza equina originaria della Gran Bretagna, scopri qual è!

I nostri Tour Operator al tuo servizio per la tua esperienza di viaggio senza confini. Clicca e parti.
I nostri cluster: realizza il sogno di un viaggio per le tue esigenze e passioni. Clicca e parti.
Semplifichiamo la pianificazione e la realizzazione di un viaggio di lavoro o per affari. Clicca e parti.
Per il mondo delle agenzie di viaggio. Clicca e fai business con Go World.
Per chi ama i social media. Clicca e sogna il tuo prossimo viaggio.
Non perderti le nostre offerte!

Espressione del consenso al trattamento dei dati personali: Procedendo con la compilazione e con l'invio di questo modulo, Lei acconsente al trattamento dei dati personali da Lei forniti per la finalità e nei limiti indicati nell'informativa privacy del sito, ai sensi e per gli effetti del Regolamento (UE) 2016/679 (GDPR).

Go World S.r.l.
via Canale, 22 - 60125 Ancona
P.IVA, CF 02763050420 R.E.A. AN 213201
Capitale Sociale € 10.000
Premio Turismo responsabile Italiano 2011
ASTOI Fondo di Garanzia ASTOI